Chirurgia e esercizio di isterectomia

Il tumore uterino, ovarico e cervicale, altrimenti i fibromi instabili, l’endometriosi, l’utero prolasso e il dolore pelvico cronico sono alcuni dei motivi che le donne subiscono nell’intervento di isterectomia. La maggioranza delle donne ha isterectomia totale, rimuovendo l’intero utero e la cervice. Una isterectomia parziale rimuove solo una parte dell’utero e un’isterectomia radicale – generalmente fatta quando una grande quantità di cancro è presente – elimina l’utero, parte della vagina, la cervice e i suoi tessuti circostanti. I medici eseguono l’intervento chirurgico attraverso un’incisione addominale o vaginale.

Il ripristino post-chirurgico dipende in gran parte dal metodo chirurgico eletto dal medico. La tua storia della salute, la condizione fisica e la ragione per la chirurgia sono determinanti principali se ricevete un’isterectomia addominale o vaginale. In generale, il recupero da un’incisione addominale richiede quattro o sei settimane di graduale ritorno all’attività. Il tempo di recupero per un’isterectomia vaginale è tipicamente più veloce, a tre o quattro settimane. Con l’approvazione del medico, l’esecuzione di determinati esercizi e attività dolci può promuovere la guarigione in quanto il recupero è in corso. A seguito di una isterectomia complicata, potrebbe essere possibile riprendere la normale routine di allenamento non modificata entro sei-otto settimane.

Per migliorare la postura e rafforzare delicatamente i muscoli del pavimento della schiena, del muscolo addominale e del pelvico, occorre eseguire esercitazioni pelviche e esercizi di Kegel non appena il medico gli darà il via libera. Entrambe possono essere fatte a letto. Kegels consistono nel contrattare e tenere il pavimento pelvico, o i muscoli che usi per prevenire scivolamenti di gas o perdite di urina. Le pieghe pelviche aiutano a ristabilire la stabilità pelvica-lombare mentre si allunga la parte bassa della schiena. Esegui le pieghe sdraiate con le ginocchia piegate ei piedi sul letto. Inclinare la “ciotola” pelvica verso il torso per premere il piatto basso posteriore. Il medico può fornire un elenco completo delle raccomandazioni e delle istruzioni per l’esercizio precoce.

Il tuo livello di forma fisica prima dell’intervento chirurgico può avere una grande influenza sul modo in cui si otterrà rapidamente la velocità post-isterectomia. Un avido esercitatore con forza muscolare e resistenza generalmente si riprenderà più velocemente di una donna sedentaria con un po ‘di tono muscolare. Di solito si consiglia di non fare più degli esercizi di recupero specifici prescritti dal medico per le prime due settimane. Camminare per la casa quanto più possibile migliorerà anche la circolazione del sangue e promuove la guarigione. Se hai avuto un’isterectomia complicata, dovresti essere in grado di avviare un programma a piedi dopo di che, gradualmente tornando alla routine di esercitazione pre-chirurgica di circa la sesta settimana.

Dopo un’isterectomia vaginale, le donne tendono a sentirsi come capaci di fare di più in un tempo più breve, ma seguono le istruzioni del medico e ascoltano il tuo corpo. In generale, evitare le sollecitazioni pesanti e attività forti per le prime sei settimane. L’attività intensa o troppo presto, dopo qualsiasi tipo di isterectomia, possono provocare sanguinamenti interni al sito chirurgico. Se avete avuto un’incisione addominale, l’esercizio vigoroso può provocare la separazione addominale, che può portare ad un’ernia. Se si verificano dolori, crampi, pressioni addominali, mancanza di respiro o non si sentono bene in generale, smettere di esercitare e dare al tuo corpo un riposo.

I tempi di recupero

Esercizi post-chirurgici

Linee guida per gli esercizi

Precauzioni