Come ridurre l’acido fitico nei fagioli

Quando l’acido fitico raggiunge il tratto digestivo, interagisce con i batteri e rilascia una sostanza chiamata inositolo. Inositolo aiuta i tuoi grassi di fegato e ha un ruolo nella funzione muscolare. Nonostante questi benefici, l’acido fitico è chiamato antinutriente perché interferisce con l’assorbimento dei minerali. L’acido fitico è naturalmente trovato nei fagioli, ma è possibile abbassare facilmente l’importo da consumare imbevando o germogliando i fagioli.

Problema con acido fitico

L’acido fitico contiene fosforo finché i semi non necessitano del minerale per sostenere la loro crescita. Quando consumi un alimento con acido fitico, compresi i fagioli, si lega con ferro, zinco, magnesio e calcio. Di conseguenza, il tuo corpo non può assorbire i minerali. Il consumo di acido fitico riduce notevolmente l’assorbimento del corpo del corpo, riferisce l’Istituto Linus Pauling. La quantità di acido fitico nei fagioli può anche ridurre la digestibilità delle proteine ​​fino al 10 percento, secondo un rapporto pubblicato nel numero di agosto 2012 del “British Journal of Nutrition”.

Immergere i Fagioli

Il fagiolo di soothing aiuta ad eliminare l’acido fitico. Per massimizzare la quantità di acido fitico persa, immergere i fagioli per un minimo di 12 ore, suggerisce la Weston A. Price Foundation. Scolare e risciacquare i fagioli più volte durante l’ammollo per eliminare l’acido fitico che si è sciolto nell’acqua. Non utilizzare l’acqua ammollata per la cottura. L’acido fitico è stato ridotto di circa il 60 per cento quando l’acqua ammollo è stata scaricata e l’acqua dolce è stata utilizzata per la cottura, secondo uno studio della “Rivista di Scienza Nutrizionale e Vitamina” nell’aprile 2003.

Vai con i germogli

Quando i fagioli germoggiano, viene attivato un enzima che scompone l’acido fitico e provoca la diminuzione dei suoi livelli. Poiché i fagioli sono imbevuti prima di essere germogliati, perdono anche l’acido fitico nell’acqua. Anche se alcuni tipi di fagioli, come i fagioli mung, sono più frequentemente utilizzati per i germogli, è possibile germinare qualsiasi fagiolo. Quando i germogli di cowpea, lenticchie e ceci sono germinati, il loro acido fitico è stato ridotto del 18 per cento al 21 per cento, secondo la ricerca pubblicata nel numero di settembre 2007 di “LWT – Food Science and Technology”.

Aggiungi un po ‘di calore

La cucina aiuta anche a eliminare l’acido fitico nei fagioli, ma ha un effetto più piccolo di germogliare e ammorbidire. È possibile utilizzare il calore per ingrandire la perdita di acido fitico cucinando i germogli piuttosto che mangiarli crudi o usando il metodo caldo di fagioli da ammollo. Questo metodo comporta la messa dei fagioli in un grande piatto, aggiungendo molta acqua, portandolo a bollire e bollendo per alcuni minuti. Dopo di che, togliere il piatto dal fuoco e lasciare che i fagioli continuino a bagnarsi fino a 24 ore.