Mancanza di metionina e lisina nelle diete vegetariane

I vegetariani hanno a lungo affrontato la bias culturale che la dieta senza carne animale necessariamente manca di proteine ​​e quindi i suoi blocchi di costruzione, aminoacidi come la metionina e la lisina. Fino agli anni ’90, quando cominciarono a documentare i benefici per la salute del vegetarianismo, i ricercatori nutrizionali assumevano troppo in generale che “una popolazione che segue una dieta vegetariana ha un rischio maggiore di sviluppare malattie di carenza di nutrienti rispetto a una popolazione a seguito di una dieta a base di carne”, come ha osservato Joan Sabate 2003 in “American Journal of Clinical Nutrition”. Diete vegetariane ben equilibrate forniscono infatti tutte le sostanze nutritive necessarie, tra cui metionina e lisina.

funzioni

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, l’organismo ha bisogno di proteine ​​”per costruire e mantenere muscoli, sangue, pelle e ossa e altri tessuti e organi” e talvolta per ottenere energia. Il corpo umano crea una sorprendente varietà di proteine ​​combinando 20 differenti aminoacidi, la maggior parte delle quali può sintetizzarsi. Tuttavia, i nove amminoacidi essenziali, tra cui metionina e lisina, devono essere presenti nella dieta. La lisina aiuta il corpo ad assorbire il calcio, forma il collagene, una componente essenziale del sistema tessuto scheletrico e del tessuto connettivo e sintetizza la carnitina, che aiuta a metabolizzare gli acidi grassi e regolare i lipidi nel sangue. La metionina è fondamentale per il trasporto dei lipidi nel sangue. Fornisce atomi di zolfo e gruppi metilici – configurazioni di un atomo di carbonio e tre idrogeni ciascuno – essenziali per numerose reazioni biochimiche nel corpo.

Requisiti e Deficienze

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, gli adulti hanno generalmente bisogno di una assunzione di proteine ​​giornaliere di almeno 0,83 g per kg di peso corporeo. Questo dovrebbe includere almeno 10 mg / kg di metionina e 30 mg / kg di lisina. La carenza di proteine ​​gravi causa disturbi come il kwashiorkor, una sindrome che porta alla perdita dei muscoli, alla mancata crescita e alla formazione di pancia nei bambini. Secondo l’Università di Maryland Medical Center, la carenza di lisina può provocare “stanchezza, nausea, vertigini, perdita di appetito, agitazione, occhi sanguinari, crescita lenta, anemia e disordini riproduttivi”. La carenza di metionina è implicata in steatopatite, o infiammazioni e cicatrici causate quando una parte del fegato si trasforma in grasso. Tuttavia, le diete vegetariane ben pianificate e variate prevengono le carenze di proteine ​​e aminoacidi, incluse le carenze di metionina e lisina.

Fonti vegetariane e vegane

Ampi fonti di lisina e metionina sono prontamente disponibili per tutti i vegetariani, le persone che si ritengono dalla carne animale, e anche ai vegani, ai vegetariani che asteniano da tutti gli alimenti di origine animale, tra cui latticini e uova. Le uova ei prodotti lattiero-caseari sono generalmente ricchi in entrambi questi aminoacidi, come gli alimenti legumi come il tofu e il tempeh. Pistacchi, amaranto e quinoa hanno un buon contenuto di lisina. Buone fonti di metionina includono tutti i dadi, verdure come patate, broccoli e spinaci, frutta come le arance e gli avocado.

Combinazione di proteine

Come spiega il biologo J. Stein Carter, la combinazione di proteine ​​è la pratica di “unire le fonti proteiche vegetali” e talvolta delle uova o del latte “per ottenere un migliore equilibrio amminoacido rispetto a quello che avrebbe da solo”. Esempi di pasti combinati proteine Includere latte di vacca e farina d’avena o fagioli e tortillas. Nonostante la diffusa confusione tra i vegetariani, l’equilibrio di aminoacidi non deve essere raggiunto ad ogni pasto. Una dieta variegata per tutto il giorno farà molto più facilmente il lavoro.